Aghje marine prutette francese : i sporti di natura in core à un prugramma di ricerca di l’Università di Corsica è di u CNRS

Focus

Dapoi u 2016, studieghja un gruppu di cercadori novi spazii prutetti di u liturale metrupulitanu francese è a so gestione di i sporti di natura. U scopu : dà l’arnesi di capiscitura à i gestiunarii di sti siti per truvà l’equilibrii trà u sviluppu ecunomicu è a priservazione di l’ambiente.

 

 

Face parte di e vie di ricerca maiò in giru à l’aghje marine prutette à l’Università di Corsica. Dapoi u mese di ghjennaghju di u 2016, u laboratoriu Lochi, Identità, Spazii è Attività (LISA), gestitu da l’Università di Corsica è da u CNRS, travaglia nant’à a piazza di i sporti di natura inde sti spazii è inde i so lochi di guvernanza per via di un prugramma scentificu messu in ballu cù parechje università. Finanzatu da a Fundazione di Francia, s’arremba issu prugettu di ricerca à una chjama d’offerta chì basterebbe u so titulu à capisce l’imbusca : « Chì liturali per issu dumane ? ». Una dodecina di cercadori s’interessanu à novi siti prutetti è cunnisciuti di u liturale francese metrupulitanu : u mare d’Iroise, a costa nurmanda-brittona, u golfu di u Liò, u bacinu d’Arcachon, l’estuarii picardi è di u mare d’Opale, a costa Basca è trè zone in Corsica.

 

Inde l’isula, riguardanu in particulare issi travagli u parcu naturale marinu di u Capicorsu è di l’Agriate, e Bocche di Bunifaziu è a riserva naturale di Scandula. Palesa quant’ella si busca a Corsica una piazza di prima trinca inde stu prugramma di ricerca. Raprisentanu i trè siti studiati longu à e coste di l’isula circa 8 000 chilometri quadrati d’aghje marine prutette nant’à guasi 25 000 chilometri quadrati cuncernati da issi travagli. U scopu di stu prugettu scentificu : « Si tratta di paragunà i modi di gestione di ste zone fidighjendu in particulare l’integrazione di e pratiche spurtive di natura è a so raprisentatività inde l’urgani di guvernanza, spieca Ludovic Martel, maestru di cunferenze in suciulugia à l’Università di Corsica, è rispunsevule di issu prugramma. Ci devenu permette i travagli ch’è no mettimu in ballu di dà l’elementi di capiscitura è l’arnesi à i gestiunarii di sti siti prutetti per pudè truvà l’equilibrii trà u sviluppu ecunomicu è a priservazione di l’ambiente ». Di fatti, facenu i cercadori paragoni suciologichi è ghjuridichi di e guvernanze di i trè tippi d’aghje marine prutette studiate cù issi travagli : e riserve naturale, i parchi naturali marini è e zone Natura 2000.

 

 

Inde u quadru di e so inchieste di terrenu, scrontranu i scentifichi parechji attori di tutti i territorii è facenu l’inventariu di e pratiche spurtive è di divertimentu chì sò prisente nant’à i liturali. Al di là di a diversità di i prufili di quelli chì pratecanu, sì sò avvisti ch’elle eranu varie e cunfigurazione lucale è dinù l’evuluzione di l’attività marittime : s’elli eranu u kite surf, u stand paddle, u longe coste, u wake-board, u JetLevFlyer, u surf elettricu o puru u mottonautisimu frà l’attività e più spartute, cum’è u VTT, e spassighjate à pedi, à cavallu o cù i sumeri, i quad è i 4×4 nant’à i chjassi liturali, sò aduprate dinù pratiche più anziane cum’è a ciuffata. Invece, d’altre attività, cum’è a tavula à vela, aduprate assai à a fine di l’anni ottanta, si vedenu di menu oramai. « Ci deve permette stu travagliu di censu di custruisce una basa di dati è di paragunà a prisenza di st’attività à a piazza ch’elli anu i raprisentanti di ste pratiche spurtive inde l’urgani di guvernanza di i siti, preciseghja Johan Jouve, ingeniere di studii à u CNRS in scenze di l’infurmazione geugrafica. U fine hè di dà una visione d’inseme à i gestiunarii di sti spazii labellizati da ch’elli possanu piglià megliu in contu st’attività inde a so gestione ».

 

Bisogna à dì ch’ella hè tamanta l’imbusca. Dapoi u principiu di l’annu 1980, e pratiche di divertimenti spurtivi di natura, chì eranu à principiu l’affari di unepochi d’iniziati, si sò spartuti assai per via di una dumanda sempre à cresce in quantu à l’usi ricreativi. Da stu puntu di vista, ne dicenu assai i risultati di u barometru di i sporti è i divertimenti di natura in Francia : di 2016, si parlava di 34,4 milioni di praticanti, frà i quali 11 milioni solu per i sporti nautichi. Hè dinù crisciutu assai u numeru di i licenziati di e federazione spurtive nautiche : hè crisciutu di 31 % trà u 2006 è u 2011, po di 34,9 % trà u 2011 è u 2013.

À fiancu à u sviluppu di st’attività, una presa di cuscenza di pettu à l’ambiente hà permessu à i puteri publichi di piglià megliu in contu a prutezzione, a priservazione è a valurisazione di a natura dapoi una quarantina d’anni. Bastanu trè date maiò à fà capisce sta primura : a creazione, in u 1975, di u Cunservatoriu di u Spaziu Liturale è di e Rive di Lachi, a prumulgazione di a lege « Liturale » in u 1986, è a creazione di l’Agenzia di l’Aghje Marine Prutette in u 2006.

 

Tandu, sò i parchi naturali marini, e riserve naturale è i siti Natura 2000 arnesi per accumpagnà sta strategia. Per i so gestiunarii, u fattu di pudè si arrimbà à i scentifichi per cunnosce megliu l’attività di divertimenti nant’à u liturale è in mare facenu da carta maestra. « Una cunniscenza più fine di u spaziu è di e quantità di ste pratiche ci permette di avvià e nostre azzione in quantu à a gestione di i nostri spazii prutetti, face sapè Maddy Cancemi, a direttrice di u parcu marinu naturale di u Capicorsu è di l’Agriate. Per un dettu, s’ella si sviluppa un’attività contru à una cunservazione bona di u situ, a puderiamu regulà. Fatta fine, issi travagli scentifichi sò indicatori è arnesi chì ponu esse dinù trasferiti à d’altri spazii prutetti ». Aghjunghje d’altronde Ludovic Martel chì « si puderanu accuncià è difende l’usi di i raprisentanti di sporti di natura patti è cundizione ch’elli fessinu soia a dossà duminante di priservazione di l’ambiente » per u sviluppu di e so attività.

 

Intantu, serà valurizatu prestu u fruttu di ste ricerche : al di là di a banca di dati chì serà messa à dispusizione di i gestiunarii di i novi siti, hè digià previstu un seminariu di restituzione in Bastia à a fine di u prugramma, di dicembre 2019, cù l’attori di i territoriu. Serà dinù prupostu un libru cullettivu da prisentà issi travagli.

 

 

Ritratti : Ludovic Martel – Università di Corsica / CNRS
Ghjugnu 2019

Laboratoriu Lochi, Identità, Spazii è Attività (CNRS / Università di Corsica)

Situ di u laboratoriu LISA