Alternative à i pesticidii : l’Università di Corsica / CNRS, puntellu di a ricerca

Focus

Per via di un partinariatu cù l’Areflec, l’Inter Bio Corsica è l’Inra, anu messu in ballu l’Università di Corsica è u CNRS u prugramma « Protect’Agrumes è altre pruduzzione vegetale in Corsica ». U so scopu : truvà suluzione biologiche per prupone alternative à i pesticidii da prutege e culture è in particulare per a lotta contru à i dannighjatori.

 

Hè principiata a lotta contru à pesticidii à l’Università di Corsica. In sti tempi chì affaccanu i cuntrasti di pettu à pesticidii chimichi, circadori di l’Università di Corsica / CNRS (Laburatoriu Scenze Per l’Ambiente), aduniti inde u prugettu strutturante « Risorze Naturale », avvianu i so travagli di ricerca per prupone alternative di pettu à l’usu di i prudutti fittosanitarii inde l’isula.

Per via di un partinariatu cù l’Associu di Ricerca è di Sperimentazione nant’à i Frutti è i Legumi di Corsica (Areflec), l’Inter Bio Corsica è l’Istitutu Naziunale di a Ricerca Agronomica (Inra) Sophia Agrobiotech di Nizza, hè principiatu di sittembre 2018 un prugramma scentificu cumunu. Chjamatu « Protect’Agrumes è altre pruduzzione vegetale in Corsica », hè finanziatu issu prugettu di ricerca innuvante da l’Uffiziu di Sviluppu Agriculu è Rurale di a Corsica (Odarc) è da a Direzzione di l’Insignamentu Superiore di a Ricerca di a Cullettività di Corsica, è hè natu da una dumanda di a filiera agrumicula corsa. Cercanu à risponde issi travagli à un’imbusca à tempu simplice è ambiziosa : truvà alternative biulogiche per prutege e culture è luttà contru à i dannighjatori, ghjuvendu si soprattuttu di a risorza vegetale. « Si scrive issa dimarchja inde una visione propiu bio-ambientale, spieca Jean-Claude Ribaut, u presidente di l’Areflec. Assucendu parechji attori chì si muvianu fin’à avà ognunu inde u so scornu, ci devenu permette isse ricerche di esse più vicini à a realità di u terrenu è di andà ver’di un mudellu d’agricultura duraticciu ».

 

L’ambizione di issi travagli scentifichi hè di fà affaccà sistemi di pruduzzione d’entranti bassi, favurizendu duie suluzione di prutezzione cumplementarie :

  • i metudi di a lotta biologica, ghjuvendu si di l’ausiliari capaci à cumbatte i dannighjatori, è i metudi alternativi di lotta cù l’usu di un sistema di feromoni ;
  • po l’usu di biostimulanti è biocidi innuvanti ricacciati da i vegetali, capaci à stimulà i prucessi naturali di e piante è di luttà contru à certi dannighjatori o e malatie chì culpiscenu e culture.

Per un dettu, certi cercadori di l’INRA di Sophia Agrobiotech di Nizza, impegnati dinù elli inde u prugramma, facenu allevi d’insetti specifichi chì serebbenu capaci à prutege e culture senza ghjuvà si di i prudutti fittosanitarii. Per a prima volta s’arritrovanu à fiancu l’Università di Corsica / CNRS, i prufeziunali è l’attori di a sperimentazione è di u sviluppu agriculu per mette in ballu sperimentazione è pruvà in leia diretta cù a natura prudutti capaci à fà cresce di più i vegetali è à fà d’erbicidiu è da insetticidiu. « Cunsiste a nostra strategia à travaglià nant’à e piante prisente nant’à u territoriu di a Corsica per truvà l’attivi chì puderianu esse aduprati contru à i nucivi, accerta Alain Muselli, prufessore di Chimica à u Laburatoriu SPE di l’Università di Corsica / CNRS, in carica di u prugramma « Protect’Agrumes è altre pruduzzione vegetale in Corsica ». À longu andà, u nostru scopu hè di trasferisce à l’agrumicultori e cunniscenze acquiste è l’innuvazione tecnulogiche, è di allargà issa dimarchja à d’altre filiere per accumpagnà l’iniziative è avvicinà si à un mudellu d’agricultura ragiunata ».

Al di là di a scumessa di limità l’usu di i pesticidii chimichi per a salute publica, hè forte l’attesa inde u mondu agriculu, soprattuttu di pettu à un modu novu di gestione di i dannighjatori. Di fatti, sò studiati in particulare dui nucivi da issu prugramma per i danni ch’ellu cagiuneghjanu : a tapinoma (Tapinoma nigerrimum), piccula furmicula nera lucale, è a minatrice di l’agrumi (Phyllocnistis citrella), u dannighjatore u più spartutu, chì attacca u so verme e punte di l’arbusti. « Hè un veru casticu issa furmicula per a cultura di i frutti è di i legumi in Corsica, preciseghja Jean-Claude Ribaut. I danni sò tamanti inde l’arburati è e piantazione, è bisogna à fà la finita »

 

Da stu puntu di vista, speranu assai i prufeziunali di l’agricultura isulana incù issu prugettu « Protect’Agrumes è altre pruduzzione vegetale in Corsica », soprattuttu in sti tempi ch’elli cercanu à avvià si di più ver’di modi di pruduzzione biologichi. In fatti, inde l’isula sana sò avà certificati « bio » circa 500 agricultori chì sfruttanu più di 24 000 ettare, vale à dì 14 % di e surfazie agricule di a Corsica. Per avà, solu 18 % di e splutazione isulane travaglianu cù un mudellu di pruduzzione biologicu, ma s’avvede l’Inter Bio Corsica chì crescenu assai e cunversione biologiche, trà 15 è 20 % ogni annu. « Di sicuru, u fattu di truvà mulecule nove è efficace contru à certi dannighjatori hà da rinfurzà issa dinamica è favurizà e cunversione biologiche di parechje splutazione, stimanu Emilie Claudet è Charline Landerieux, chì facenu da cuurdinatrice, per a prima, è d’incaricata di prugettu per l’Inter Bio Corsica. Per un dettu, l’assenza di suluzione per certi dannighjatori, cum’è a mosca di l’alivu, inciampa a dimarchja di a filiera oleicula per andà ver’di un mudellu biologicu. In più di quessa, puru s’elle anu digià certe culture alternative naturale per luttà contru à i dannighjatori, cerca soprattuttu u prugramma Protect’Agrumes à truvà suluzione fatte cù piante lucale ».

Un criteriu di prima trinca chì ramenta d’altronde un’imbusca maiò di issu prugettu di ricerca : favurizà una forma d’autunumia isulana, limitendu l’impurtazione di prudutti di fora, per ghjuvà si di più di e materie ricacciate da u territoriu corsu, incù una dimarchja d’agricultura lucale è duraticcia.

 

 

Nuvembre 2019

Rittrati: Areflec, Inter Bio Corse, Université de Corse

Le programme “Protect’Agrumes et autres productions végétales en Corse” est cofinancé par l’ODARC et le Direction de l’Enseignement supérieur et de la Recherche de la Collectivité de Corse.