L’ostrice, un ghjuvellu di a ricerca à l’Università di Corsica / CNRS

Focus

Anu ammaestratu i cercadori di l’Università di Corsica è di u CNRS a ripruduzzione di sta spezia minacciata di smarrizione. Un’imbusca tamanta per priservà u patrimoniu naturale di a Corsica è u so versu ecunomicu per l’ostreicultori.

 

Dapoi u 2013, face parte di i sughjetti di primura di a ricerca nant’à a pesca à l’Università di Corsica / CNRS : ammaestrà l’ostrice nustrale di u stagnu di Diana, nant’à a costa urientale.

Dopu à quattru anni di travagli à Stella Mare, laburatoriu di l’Università di Corsica è di u CNRS, sò riesciuti i cercadori à ammaestrà, in u 2017, a ripruduzzione di sta spezia. Vene stu successu scentificu da e sperimentazione fatte nant’à sta piattaforma dedicata à l’ingenieria marina è liturale in u Mediterraniu, in cullaburazione stretta cù l’ostreicultori corsi. U scopu di stu prugramma : si tratta di cunnosce megliu l’ostrice nustrale, quand’ella face l’ovi, u so modu di campà, e so tecniche d’allevu è u so ciculu di ripruduzzione.

Bisogna à dì ch’ella hè tamanta a scumessa, nanzituttu d’un puntu di vista patrimuniale è per mantene a biodiversità. Scempiata assai da l’eccessi di a pesca è da i parasiti à u seculu scorsu, l’Ostrea edulis, a sola spezia endemica in Europa, cunnisciuta è barrattata in Corsica da l’Antichità rumana, hè stata dannighjata assai. Risultatu : minacciata di smarrisce, hè stata rimpiazzata à pocu à pocu da l’ostrice ciotta giappunesa, à tal’puntu ch’ella raprisenta oghje solu 5 % di a pruduzzione ostreicula in Francia.

I travagli messi in ballu à Stella Mare contanu avà di rinvivisce sta spezia prisente soprattuttu nant’à a costa Atlantica è in Corsica. Di fatti, si face avà un’introduzzione inde l’ambiu marinu di vermi d’ostrice piatta prudutti da a quadra di u laburatoriu. Dapoi e so prime pruduzzione di larve in u 2014, di modu sperimentale sò state introdutte à u stagnu di Diana centinaie di ghjuvanili d’ostrice, nati à Stella Mare inde cundizione bunissime di timperatura, di lume è di qualità di l’acqua. Sti pochi anni, hè sempre di più impurtante a pruduzzione fatta trà i muri di u laburatoriu, chì hà francatu, di 2018, u zogliu simbolicu di un milione d’individui.

 

« Avà chì avemu propiu a maestria di u ciculu di ripruduzzione, cercanu i nostri studii à uttimizà a pruduzzione di vermi è à megliurà e pratiche culturale inde u stagnu, spieca Jean-José Filippi, ingeniere di ricerca à Stella Mare. U tassulu di sopravvita hè oghje vicinu à 30 %, di fatti s’avvianu avà i nostri travagli ver’di u studiu di u cumpurtamentu di l’ostrice inde l’ambiu è a megliurazione di u so nutrimentu per buscà ci e cundizione d’allevu e più bone ».

Oghje ghjornu, più di 50 000 ostrice esciute da u laburatoriu di ricerca sò ghjunte à maturità inde u stagnu di Diana, nant’à a costa urientale di a Corsica, è ponu esse cummercializate. A prossima tappa : devenu esse pruposti à u sindicatu di l’acquacultori circa un milione di larve, nant’à i trè milioni nati à Stella Mare in u 2019. « Si tratta oramai di trasferisce a nostra tecnulugia per una pruduzzione è una valurisazione più impurtante, face sapè Sonia Ternengo, rispunsevule di stu prugramma di ricerca. L’interessu di sti travagli hè nanzituttu di prutege a spezia ma dinù di priservà l’attività ecunomiche chì sò in giru ».

U cuntestu face chì sò belle più impurtante chè cusì ste ricerche in giru à l’Ostrea edulis. Sti pochi anni, si sò avvisti l’ostreicultori chì murianu assai l’ostrice ciotta per via di l’herpès virus chì culpisce e so populazione quand’ella cresce a timperatura di l’acqua. In fatti, hè più minima a so capacità di ripruduzzione, ma hè bella più resistante l’ostrice nustrale. D’appressu à e ricerche fatte à l’Università di Corsica / CNRS, si tene parechji vantaghji sta spezia : al di là di a so qualità gustosa, chì li hà permessu  di buscà si parechje medaglie d’oru à u cuncorsu generale agricule di Parigi, hà l’Ostrea edulis una funzione ecosistemica chì li permette di filtrà è di sminuisce e cariche pulluante inde u mare.

Un vantaghju tamantu per l’ostreicultori chì anu fattu a scumessa di rilancià l’ostrice nustrale è chì sò assai attenti à sta spezia endemica, puru s’ella raprisenta sempre una parte minima di a so pruduzzione. Sfruttadore di u stagnu di Diana dapoi l’annu novanta, si hè impegnatu assai inde stu prugettu Bernard Pantalacci, subbitu ch’ellu hè statu iniziatu, è racoglie oghje i primi frutti di stu travagliu longu è fattu cù minuzia cù a squadra di Stella Mare.

« Ste ricerche ùn ci anu solu permessu di rilancià un pruduttu identitariu chì hè u simbolu di u stagnu, spieca l’ostreicultore. Sò state dinù un arnese tremendu da fà ch’è no possimu avè un’attività più diversa è sminuisce u risicu di pettu à l’ostrice chì hè tocca da a malatia. Inde un cuntestu di cambiamentu di l’ambiu, chì hà assai effetti nant’à e cundizione di ripruduzzione, u fattu d’avè un’attività più diversa hè dinù un obligu per pudè mantene a nostra attività ».

Da crede ch’elli appiinu trovu l’ostreicultori corsi u ghjuvellu di u stagnu di Diana.

 

Lugliu 2019

Laburatoriu STELLA MARE (Università di Corsica / CNRS)

Situ di u Laburatoriu STELLA MARE