Sfide sociali e ambientali

Agire per il territorio.

Numerosi sono i campi nei quali si impegna l’Università di Corsica: ci si lavora su questioni di ambiente, di diritto, di economia, di tecnologia… Questa pagina, che presenta qualche azione intorno a tre tematiche fondamentali in Corsica, non ha vocazione ad essere esaustiva, bensì ad illustrare il modo di procedere dell’Università di Corsica. In ogni modo, l’implicazione territoriale non è da opporre ad un’apertura internazionale, proprio al contrario. I lavori e le sperimentazioni condotte all’università di Corsica sono destinati ad essere riprodotti e utili per altri spazi, insulari, mediterranei e ben più.

Lingua corsa.

L’Università ha sviluppato un approccio aperto dell’indentità corsa. Il suo impegno per accompagnare il processo di coofficialità delle lingue francese e corsa è direttamente legata all’idea di un progetto di futuro plurilingue per l’Università, garanzia d’iscrizione oggettiva nel mondo attuale.

Formazione di giornalisti corsofoni, conferenze e dibattiti, aplicazione smartphone, dvd educativi “In Corsu+”, concorso “ingua azzione 24”, partecipazione alla “Festa di a lingua”, festival… L’Università di Corsica propone una grande varietà di azioni per contribuire alla vivacità della lingua corsa. Queste azioni, molto aperte, sono rivolte a tutti i campi e ad un pubblico svariato : alunni, studenti, vasto pubblico, specialisti…

Tra l’offerta formativa, l’Università di Corsica propone una Licence Langues, Littératures et Civilisations Etrangères et Régionales Parcours Corse (Laurea triennale Lingue, Letterature, Civiltà Straniere e Regionali Percorso Corso) e un Master Lingua e Cultura Corsa alla Facoltà di Lettere, Lingue, Arte, Scienze Umanistiche e Sociali. L’ESPE, Scuola Superiore per i mestieri dell ‘Insegnamento e dell’Educazione, forma insegnanti delle scuole bilingui et des professori di lingua corsa.

L’approccio dell’Università di Corsica su questa questione non è dogmatico. È vivace, plurale, aperto al dibattito e agli scambi. Proprio come lo è la lingua corsa.

Sviluppo sostenibile.

Uno dei sette progetti strutturanti di Ricerca dell’Università di Corsica è intitolato “Dinamiche dei territori e dello sviluppo sostenibile“. Lo scopo è di contribuire al miglioramento delle politiche di sviluppo sostenibile. I lavori vertono precisamente sulle vulnerabilità e le condizioni di sostenibilità dello sviluppo dei territori insulari, particolarmente mediterranei. E questione di « turismo sostenibile », argomento maggiore in Corsica, attraverso la sistemazione di indicatori, di studi comparati e di progetti operativi di sviluppo turistico sostenibile.

La creazione della piattaforma STELLA MARE (CNRS/Università di Corsica) nel 2011, è un esempio rappresentativo dell’azione dell’Università di Corsica nel campo dello sviluppo sostenibile. In effetti, l’obiettivo è di recare soluzioni concrete alle problematiche dei professionisti del mare, e di conciliare insieme lo sfruttamento ottimale e la tulela delle risorse naturali marine . Grazie agli strumenti dell’ingegneria ecologica, questa struttura promuove l’acquacoltura sostenibile e la pesca responsabile in diretta collaborazione con i pescatori, gli acquacoltori ed i gestionari dell’ambiente.

Sanità.

L’Università di Corsica , nel 2004, ha aperto un primo anno di Medicina (PACES), che, ogni anno, permette a 200 studenti di preparare l’esigente concorso in ottime condizioni. In effetti ormai, non è più necessario lasciare l’isola, con le difficoltà finanziarie e sociali che ne scaturiscono. Gli studenti promossi proseguono gli studi in medicina, odontoiatria, maieutica, farmacia o kinesiterapia in una delle università partner (Paris Descartes, Paris Diderot, Aix-Marseille e Nice Sophia Antipolis). Nel 2007, con l’URML di Corsica (Unità Regionale dei Medici Liberali), le Università di Nizza e di Marsiglia, e con la partecipazione della CTC (Collettività Territoriale della Corsica) e dei Consigli Provinciali di Haute-Corse e Corse du Sud, l’Università di Corsica ha elaborato un progetto di sviluppo di tirocini obbligatori o facoltativi di terzo ciclo di studi medici presso maestri di tirocinio corsi. Questo dispositivo mira a privilegiare la sistemazione di medici generici in Corsica, scegliendo gli interni della PACES dell’Università di Corsica. Sin dalla creazione di questo dispositivo,circa 150 interni hanno potuto svolgere il tirocinio in Corsica tra il 2007 e il 2016.

Dal 2005, l’Università di Corsica e l’Inserm hanno dotato la rete Sentinelles (fondata dall’Università Pierre et Marie Curie) di una succursale in Corsica. Le succursali regionali della rete Sentinelles permettono di rafforzare gli studi nazionali, ad esempio associandovi in modo più diretto i medici locali. Quest’implicazione si traduce anche ogni anno con Grippenet, uno studio che sorveglia l’evoluzione dell’influenza, alla quale ognuno è invitato a partecipare direttamante online. L’importante sensabilizzazione condotta in Corsica, permette alla regione di essere la più mobilitata di Francia, proporzionalmente alla popolazione.

Più generalmente, l’Università di Corsica collabora regolarmente con attori come la Lega contro il cancro per l’attuazione di operazioni di sensibilizzazione, di giornate di scambio, ecc.