Piattaforma Stella Mare, un apristrada per “l’ecunumia turchina”

Focus

Creata da l’Università di Corsica in u 2011, hè centrata sta piattaforma di ricerca nant’à l’ingenieria eculogica marina è liturale. U so scopu : ammaestrà megliu e risorze di a pesca in u Mediterraniu per risponde à i bisogni di i prufeziunali di u mare, priservendu à tempu sta risorza per e generazione à vene.

Hè unu di i ghjuvelli di l’isula in quantu à a ricerca scentifica. Custruita in un spaziu di 2 500 m² nant’à u curdone lagunariu di a Marana, trà u stagnu di Chjurlinu è u mare Tirreniu, a piattaforma Stella Mare di l’Università di Corsica, chì s’hà chjappu di ghjugnu 2011 u labbellu di u CNRS po da i poli di cumpetitività « Mer PACA » è « Aquimer », s’impegna in u duminiu di l’ingenieria eculogica marina è liturale in u Mediterraniu. Ghjuvendu si di 115 bacini è d’una quarantina di acquarii cù tecnulugie di prima trinca, cercanu à imaginà i so scentifichi, in cuncertazione cù i prufeziunali di u mare, a pesca è l’acquacultura di dumane in u Mediterraniu, veru « hot-spot » di a biodiversità.

U scopu di i so prugrammi : « fà di manera ch’ellu possi l’omu evuluà inde l’ecosistema è cuntinuà à prilevà certe spezie senza guastà le, spieca Antoine Aiello, direttore di Stella Mare. Si tratta di purtà suluzione cuncrete à e prublematiche scuntrate da i prufeziunali di u mare, di accuncià u sfruttamentu  di e risorze naturale marine è a so priservazione ».

Di fatti, travaglianu e squadre di Stella Mare nant’à a megliurazione di e cunniscenze in quantu à a ripruduzzione è l’evuluzione di parechje spezie, cum’è u denti, u lupacante, i zinzi, u pesciu beccu, a patella gigante è l’ostrice piatta, in cullaburazione stretta cù i piscadori, l’acquacultori è e quattru prudomie di l’isula. In u frattempu, s’attaccanu dinù i cercadori di l’Università di Corsica è di u CNRS à e prublematiche di a risturazione in l’ambiu naturale è di a prutezzione di a biodiversità. Per un dettu, avà ch’ella hè ammestrata a ripruduzzione di i zinzi da i scentifichi di Stella Mare, anu principiatu quist’annu e squadre di a piattaforma una risturazione eculogica in Macinaghju, in Capicorsu, travagliendu soprattuttu à a custruzzione di micro-abitati per favurizà un ritornu à u statu iniziale di u situ. U casu di l’ostrice hà digià purtatu qualchì fruttu dinù : una suminera in ambiu naturale di l’ostrice prudutte da e squadre di Stella Mare – oghje ghjornu sò più di 143 000 ostrice, esciute da genitori di u stagnu di Diana – hè in anda. Obbiettivu : risponde à a prublematica di murtalità impurtante di a spezia cultivata oghje (ostrice incavata), usservata da l’ostreicultori. L’ostrice piatta hè di più resistente è hà di più qualità gustative. Di fatti, permette a dimarchja di travaglià à tempu un pruduttu identitariu cun valore aghjustatu forte è di introduce torna una spezia lucale in u so ambiu naturale. Megliu : i travagli messi in ballu à Stella Mare puderianu permette di mantene, è puru di rilancià d’altre spezie cum’è a patella gigante essendu per sparisce, chì a Corsica ne hè unu di l’ultimi ghjacimenti in u mondu. « À longu andà, u nostru scopu serebbe di mette in ballu una risturazione eculogica di sta spezia nant’à l’inseme di u Mediterraniu », preciseghja Antoine Aiello.

Un’imbusca impurtante per i prufeziunali di u mare, cuscenti chì e risorze di a pesca devenu oghje esse gestite cum’è un patrimoniu preziosu. In fatti, s’ellu aggrotta u Mediterraniu più di 7,5 % di a fauna marina mundiale, hè dinù inde stu bacinu ch’ella hè cunsiderata l’erusione di a biodiversità cum’è essendu a più inchietante. « A ricerca hè, per noi altri, un arnese di prima trinca da pudè ammestrà e risorze naturale è permette ci di rinnuvà e nostre pratiche per impattà u menu pussibule l’ambiu naturale », cunsidereghja Philippe Riera. Presidente di Gloria Maris, a sucetà « leader » di l’acquacultura marina in Francia, u capu d’impresa hè statu frà i primi partenarii di Stella Mare. Oghje, ùn piatta mancu appena l’interessu ch’ellu hà trovu, subitu subitu, in a dimarchja di a piattaforma. L’allevu di nove spezie lucale permette à tempu di diversificà u mercatu, d’accresce e pruviste naturale sfruttate è di travaglià cù prudutti identitarii cù un valore aghjustatu forte. « Cunnosce megliu una spezia, hè dinù allargà u campu di e nostre cumpetenze è avè a pussibilità d’innuvà, cum’è no l’avemu pussuta fà ingiru à u lupacante sti pochi anni, spieca Philippe Riera. Ùn si tratta micca di pruduce di più, ma di pruduce megliu. Tuttu què cundiziuneghja i nostri successi à vene ».

Un interessu ecunomicu chì u dirigente di Gloria Maris ùn hè micca u solu à ammintà. Essendu statu frà e persone à l’iniziu di u prughjettu Stella Mare, Gérard Romiti, presidente di u Cumitatu naziunale di e pesche è di l’allevi marini, ne hè sicuru : « Anu bisognu i piscadori d’oghje di una spertizia scentifica da perennizà a risorza è cunnosce megliu l’ambiu in u quale travaglianu. Sti cinquant’anni anni scorsi, hà persu a pesca corsa assai attività. Ammestrà arnesi innuvanti è a ripruduzzione di e spezie, hè indispensevule per pudè favurizà a stallazione di giovani piscadori, dunque per creà impeghi », assicureghja Gérard Romiti, chì presideghja dinù u cumitatu regiunale di i piscadori, raprisentendu 198 intraprese in Corsica.

Ma, al di là di a ricerca è di u trasferimentu di tecnulugie, hà dinù Stella Mare una missione pedagogica chì cunsiste à sensibilizà a pupulazione à e prublematiche di l’ambiu naturale marinu. In partenariatu cù l’Accademia di Corsica è l’associu U Marinu, accoglie ogni annu a piattaforma centinaie di sculari ingiru à un parcorsu pedagogicu è ludicu per scopre e spezie studiate, e specificità di u Mediterraniu è u so patrimoniu naturale. Una manera di fà luccicà i travagli di Stella Mare à l’infora  di i so muri è di trasmette li in eredità à e generazione à vene.

DCIM100MEDIADJI_0063.JPG