L’Università di Corsica / CNRS cerca à inghjuvanisce u Medievu !

Focus

Per via di un prugramma scentificu, cerca l’Università di Corsica / CNRS à accustà cù un versu novu stu periudu maiò di a storia isulana. U scopu : riscopre è mette in valore stu patrimoniu medievale, cù un’imbusca à tempu culturale è turistica.

 

 

Apparinatu à spessu à i tempi di l’oscurantisimu, di a magia nera è di l’invasione di i barbari, ùn hè sempre vistu cù e bone u Medievu. Eppuru, stu periudu maiò, chì hè duratu circa un millaia d’anni, hè dinù un periudu riccu assai chì ne ferma sempre a lascita in ogni scornu di a Corsica, è chì face a testimunianza di e leie storiche cù l’Italia è u Mediterraniu chì anu francatu i seculi. Hè per quessa ch’ella hà fattu l’Università di Corsica / CNRS di a valurisazione di stu passatu medievale di l’isula una scumessa dapoi parechji anni. U nome di u prugettu ch’ella porta ne dice assai nant’à l’obbiettivi : « I spazii di a Corsica medievale ; valurisazione scentifica, patrimuniale è turistica di u territoriu isulanu ». Hè finanziatu stu prugettu da a Cullettività di Corsica cù u prugramma europeu FEDER.

Per via di stu prugramma scentificu, messu in ballu da u laburatoriu Lochi, Identità, Spazii è Attività (LISA), cercanu l’Università di Corsica è u CNRS à riscopre è à mette in valore stu periudu maiò di a storia isulana. « Sti vint’anni scorsi, sò stati fatti una decina di tese è una trentina di memorii di Master nant’à stu periudu à l’Università, ramenta Vannina Marchi Van Cauwelaert, maestra di cunferenze in storia di u Medievu à l’Università di Corsica, in carica di stu prugramma. Ci anu permessu ste ricerche, messe in ballu cù u prufessore Jean-André Cancellieri, di ghjunghje à un livellu di cunniscenza abbastanza impurtante nant’à a storia è u patrimoniu medievale di a Corsica, chì si pò valurizà avà cù u gran’publicu ».

I scopi ? Sparghje stu sapè, cambià u sguardu di pettu à u Medievu è richjappà u ritardu di l’isula in quantu à a valurisazione di u patrimoniu. Hè principiatu u prugramma cù a ricerca fundamentale nant’à a Corsica medievale, arrimbendu si à un’analisi fine di a cronaca di Giovanni della Grossa.

In core à stu prugettu : a rialisazione di un’edizione numerica è scentifica di stu testu di u XVu seculu, chì si tene un valore storiugraficu è literariu assai forte. « Hè ricca assai sta cronaca, chì si tratta di una storia di l’isula vista da l’internu. Ci face viaghjà direttamente a so lettura inde l’universu di i Corsi di u Medievu, spieca Vannina Marchi Van Cauwelaert. Ci deve permette st’edizione numerica à tempu di sparghje megliu stu testu, chì hè cunnisciutu pocu, à tempu da u gran’publicu è da i spezialisti, po di crucià u racontu di u crunicore cù i dati racolti nant’à u terrenu per via di l’inchiesta archeulogica ».

À longu andà, si tratta di mette à fiancu à st’edizione critica di a cronaca di Giovanni della Grossa un’enciclupedia interattiva di u Medievu corsu, per un dettu cù l’atlanti cartugrafichi, parechje leie ver’di i siti archeulogichi è i ducumenti d’archivi numerizati. Intantu, volenu andà i prutagunisti di stu prugettu al di là di a messa à dispusizione di u publicu di sta ricerca fundamentale, per allargà stu prugramma à a sucetà civile. Per un dettu, si face avà un itinerariu in giru à u patrimoniu medievale è militare di Bunifaziu, in partinariatu cù l’uffiziu di u turisimu, per circà à avvalurà sti lochi à u livellu ecunomicu. U cuncettu ? Si tratta di mette in valore ste furtificazione genuvese arrimbendu si à una ricustituzione in 3 D di u Torrione genuvese di Bunifaziu, per prupone visite à tempu virtuale è reale. « L’interessu hè di creà un pruduttu turisticu novu di valurisazione di stu patrimoniu, fendu vede u fruttu di a ricerca scentifica, face sapè Vannina Marchi Van Cauwelaert. Bunifaziu hè a cità di Corsica chì si tene u patrimoniu medievale u più riccu è u più cunnisciutu. Hè una cità maestra per mette in ballu una cullaburazione trà i cercadori è i prufeziunali di u turisimu, appiechendu e tecnulugie nove à a valurisazione di u patrimoniu ».

À tempu, sò previste d’altre azzione à u livellu di u territoriu isulanu. In partinariatu cù u museu archeulogicu di a Corsica, una mostra itinerante, inaugurata in ottobre di u 2019, nant’à i « Lochi di memoria di u Medievu corsu », per mette in valore sta ricchezza storica è l’impronta memuriale di u periudu medievale. Fattu da pannelli tradiziunali è da supporti numerichi, deve ristituisce stu chjassu patrimuniale 2.0 i frutti di a ricerca à distinazione di u gran’publicu lucale è turisticu inde parechje cumune di Corsica, circhendu à inghjuvanisce u Medievu.

Eppuru, ùn a si franca stu prugramma scentificu di l’Università di Corsica è di u CNRS da un aspettu di prima trinca di a ricerca : a trasmessa à e generazione nove per via di u publicu sculare è di a reta accademica. Da quì à u 2020, devenu mette in ballu e squadre di u laburatoriu LISA un’appiecazione numerica à usu pedagogicu per insignà u Medievu à u primariu è à u sicundariu à parte da i travagli di ricerca i più freschi. « A nostra ambizione hè di creà un arnese piacevule è didatticu per i prufessori, da ch’elli possinu rende st’insignamentu di più attrattivu per via di supporti muderni, cum’è per un dettu i filmetti, spieca Vannina Marchi Van Cauwelaert. Face parte di e cundizione per rende accessibule tutta a ricchezza di stu periudu storicu ».

 

 

 

 

Ottobre 2019

Le programme “Les espaces de la Corse médiévale” est cofinancé par l’Union européenne et par la Collectivité de Corse.